Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







domenica 6 luglio 2008

brandelli di anima

a volte mi sembra di camminare sotto un sole che tutto dissecca,
senza acqua, senza ristoro, senza refrigerio,
condannata a una lunga agonia che non porterà alla morte,
pietosa sorella,
ma ad una nuova vita di sofferenza.

il male che viene fatto è reso.

sono con l'anima a brandelli e vago alla ricerca
di un cono d'ombra
dove sostare per non morire.

ma io non sono qui da ora.

il mio tempo è un cerchio
e io sto per trovare
l'accesso alla mia via.

1 commento:

ipotetica ha detto...

La Grande Via non è difficoltosa,per coloro che non hanno preferenze.
Quando amore e odio sono entrambi assenti
tutto diventa chiaro ed evidente.
Tuttavia, non appena compare la minima distinzione il cielo e la terra si separano infinitamente.
Se desideri vedere la verità, non prendere posizioni, né pro né contro.
La contesa fra ciò che piace e ciò che non piace
è la malattia della mente