Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 8 maggio 2007

il bosco sacro


Il bosco inteso come spazio sacro è parte dell'uomo fin dagli albori.
Basta pensare al bosco di Bomarzo, al bosco in cui vengono racchiusi frati e cellette ai tempi di San Francesco, l'Eremo delle Carceri, alle pendici boscose di tutti i monti d'Italia in cui santi, anacoreti, pellegrini e mendicanti hanno cercato l'Altro.
Ma non è appannaggio del cristianesimo la sacralità dei nostri boschi, fin dai tempi antichi l'uomo si è rapportato con alberi e sorgenti come con esseri dotati di scintilla divina e tuttora le leggende di molti popoli, non solo celtiche, raccontano di eroi e di santi, di demoni e di uomini e donne che vagano per i boschi di tutto il mondo.
In un'epoca come la nostra in cui la deforestazione è divenuta insopprimibile esigenza del capitalismo, dovremmo pensare più spesso a quanto tempo impiega un albero per crescere e a quanto poco invece occorre per distruggere un'intera foresta.
Consiglio "Uomini, boschi e api" di Mario Rigoni Stern.
Assolutamente da leggere.

Nessun commento: