Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







venerdì 18 maggio 2007

venerdì, giorno di pioggia



Mi sento come una goccia di pioggia sui vetri, quando infuria la tempesta.


Quando ho voglia di andarmene via per conto mio, scivolo giù e il morale ne risente.

Ma non sono sola, sono una goccia in compagnia di altre gocce.

E poi sapete una cosa? Le gocce di pioggia che cadono in un bosco producono un rumore simile a una musica ipnotica, rimbalzando sulle foglie degli alberi, prima di perdersi nella terra avida di accoglierle.

E io qui sono a casa mia.



Nessun commento: