Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 26 giugno 2007

il giappone e il ciliegio











Non comprendere ciò che è diverso è normale, ostinarsi ad ignorarlo o disprezzarlo o disinteressarsene, non lo è.

Gli abitanti di Kyoto erano preoccupati sul fatto che Kyoto vorra' perdere importanza dopo la scelta del nuovo governo di portare la capitale a Tokyo durante la Restaurazione Meiji.Il governatore di Kyoto Nobuatsu Hase e il suo vice Masanao Makimura fecero di tutto per sviluppare ulteriormente la citta'. Nel 1871 si organizzavano per tenere la prima esposizione giapponese al palazzo imperiale per promuovere l'industria di Kyoto.Jirouemon Sugiura, rappresentante di Gion Shinbashi e proprietario di Mantei (odierna Ichiriki, una famosa ochaya, sala da te, un posto dove si viene intrattenuti dalle Geiko e dalle Maiko) ricevette una richiesta dal governo prefettuale di Kyoto per organizzare uno spettacolo di danze con Geiko e Maiko per il pubblico.

Con la collaborazione di Yachiyo Inoue, a capo della scuola di danza Kyomai, Sugiura ebbe l'idea per una danza di gruppo basata sulle caratteristiche della danza Kamenoko Odori a Ise Furuichi. Nel marzo del 1872, come spettacolo secondario alla EXPO, la danza Miyako Odori Jyunicho creata da Masanao Makimura fu esibita con un coro e musicisti in una sala con stupende pareti scorrevoli in una casa chiamata Matsunoya situata a Gion Shinbashi. Questo spettacolo fu l'inizio di Miyako Odori.Si decise che la danza di Gion Kobu debba essere in esclusiva della scuola Kyomai di Inoue e che nessun'altra scuola deve essere implicata. Questa decisione e' stata rispettata sin da allora con le stesse qualita' e dignita' e si possono ammirare anche ai nostri giorni. Il Miyako Odori puo' essere ammirato nella sua completezza nel solo mese di aprile.
La Miyako Odori la esegue basandosi su antichi documenti di proprieta' del santuario di Kibune. La terza e la quarta scena rappresentano "canzoni di Kyoto" mentre la quinta rappresenta una leggenda della città. Si tratta della storia di un samurai che si scontra con un oni (demone giapponese) femminile. Watanabe No Tsuna lavorava per il suo padrone Minamoto no Raiko, che era famoso per aver ucciso un demone sulla montagna di Oeyama. Un giorno Watanabe No Tsuna ando' al ponte Modoribashi dove incontro' la demone della montagna di Atagoyama. La spinse fino al tempio di Kitano dove le taglio' il suo braccio destro.
Dopo la prima scena di presentazione con le pareti scorrevoli in argento si passa alla seconda scena chiamata "capodanno al santuario Yoshida". Il santuario si trova a Kaguraoka. Si dice che e' un posto del paradiso per fare musica e danzare e che molti dei e dee discendono da questa zona.La terza scena si chiama "Festa Imayo a Hojujidono". Ci mostra come l'imperatore (ormai ritirato dopo aver abdicato) Go-Shirakawa si divertiva e imparava canzoni popolari eseguite da prostitute e danzatrici di Kyoto.La quarta scena, "danza della pioggia al santuario Kibune", e' una danza della pioggia a Kibune. Il santuario e' dedicato al dio della pioggia. La danza e' basata su antichi documenti del santuario.La quinta scena "Modoribashi kijo no hanashi" (la demone del ponte modoribashi) parla di una demone apparsa al ponte di Modoribashi.Danza autunnale fa parte della sesta scena. Tutte le danzatrici appaiono sul palco con uno sfondo di foglie colorate a Sekisui-in, un tempio del Kozanji. Il tempio e' proprietario di alcuni tesori come antichi dipinti a inchiostro raffiguranti animali come se fossero uomini. Queste pitture, si dice, sono l'origine dei manga giapponesi. Situato nella parte nord di Kyoto, la gente puo' gustarsi i colori delle foglie nel tardo autunno di ogni anno. La settima scena "panorama invernale nella sala Ninomaru del castello di Nijo" offre la vista sui giardini innevati intravisti dalla sala Ninomaru. Il castello di Nijo fu costruito nel 1603 come centro base per governare Kyoto da Tokugawa Ieyasu, fondatore dello shogunato Tokugawa. Dal 1634 in poi nessun shogun mise mai piu' piede nel castello e nel 1788 il castello brucio' lasciando solo la sala Ninomaru. Dalla sala Ninomaru si intravede il giardino innevato. Si dice che il giardino fu disegnato basandosi una particolare formazione di battaglia creata dal famoso stratega cinese Shokatsu Komei. "Fiori di ciliegio al parco Maruyama di notte" e' l'ultima scena dello spettacolo. Il parco esiste dal 1886 ed e' il primo parco di Kyoto. Quando il governo Meiji dichiaro' che Buddhismo e Shintoismo devono essere separati, i templi Kanshin-in e Enzan Anyouji donarono terreni al governo.

Nessun commento: