Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 14 agosto 2007

solitudine


a venti anni ne piangevo eppure era il mio rifugio... ora con marito, figlie e gatta, è diventata un desiderio irrealizzabile... contraddizioni dell'anima.
solitudine, vorrei poterti avere per due giorni a settimana!

1 commento:

Massimiliano ha detto...

Come ti capisco, amica mia carissima... a volte la rifuggo la solitudine... altre volte ci son momenti in cui è un bisogno tanto estremo da soffocare.
E' una necessità, specie quando si sa che i nostri cari son lì ad attenderci come e più di prima...ma non è facile..lo so bene, lo capisco.
Ti auguro, di cuore, di realizzare questo tuo sogno e necessità quanto prima, perchè so che ci tieni tanto, amica mia :)
Un abbraccio Elentàri, ciao!!!