Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







domenica 13 gennaio 2008

Imbolc



Il 2 febbraio c'è nella ruota dell'anno la festa della luce che torna, Imbolc, la Madre dormiente che custodisce in sè la vita che sta per esplodere
Cristianizzata come la totalità delle feste pagane, per questa viene celebrata la Candelora, ovvero la Presentazione di Gesù al Tempio, la celebrazione di Imbolc si pone come tappa del cammino verso la Luce che torna, cammino iniziato con Yule, tempo di attesa e di silenzio.

Il terreno ancora gelato che scricchiola sotto i piedi, l'aria fredda e il cielo spesso ingrigito, la neve, che continua a cadere sulle montagne, i primi bucaneve negli angoli riparati, i crochi che annunciano la vita che torna...

Imblc, festa della purezza e dell'attesa della luce che sta tornando a far vibrare l'aria.

Nessun commento: