Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







lunedì 21 luglio 2008

Lammas o Lughnasad



Nei paesi di lingua inglese, il primo agosto è la festa di Lammas (da loaf-mass, "festa dei pani"), dove si festeggia la prima mietitura dell'anno portando in chiesa una pagnotta ottenuta dal nuovo raccolto.

In molte parti del Regno Unito, i mezzadri erano tenuti a presentare il raccolto ai padroni dei terreni entro questa data. Nello stesso giorno (o in alcuni casi il 6 aprile), si benedicono i frutti.

In epoca medievale, la festa era conosciuta come Gule of August, ma il significato della parola gule è ignoto. Ronald Hutton suggerisce che derivi dal gallese gwyl aust, che indicava la festività del primo agosto, ma la cosa non è sicura. Se così fosse, il termine suggerirebbe che Lammas risale ad una festività di epoca pre-cristiana, forse legata a Lughnasadh.

Nel neopaganesimo Lughnasadh (o anche Lunasa o Lughnasa) è uno degli otto sabbat (celebrato il primo agosto nell'emisfero nord), il primo dei tre che celebra il raccolto autunnale (gli altri sono Mabon e Samhain). La festa ricorda il sacrificio del Dio (sotto forma di grano): nel suo ciclo di morte (per dare nutrimento alla popolazione) e rinascita, il grano veniva identificato come uno degli aspetti del dio Sole, che i Gaelici chiamavano Lugh.

Viene anche usato il nome Lammas preso da una festa anglosassone poi cristianizzata che si svolgeva nello stesso periodo, che potrebbe o meno avere la stessa origine. Come indica il nome (da loaf-mass, "festa dei pani"), si tratta di una festa di ringraziamento per il pane, che rappresenta il primo frutto del raccolto.

Alcuni neopagani celebrano la festa cucinando una figura del Dio fatta di pane per poi sacrificarla e consumarla ritualmente.

fonte: wikipedia

Lammas o Lughnasadh è un momento importante per riflettere insieme ai nostri figli, anche stavolta nel modo più naturale possibile. Lasciamoli preparare uno spazio sacro se lo desiderano, a modo loro, trovando spontaneamente i simboli e gli oggetti che loro ritengono adatti.

Attività:

L'uomo di pane: impastiamo con i bambini una pasta dolce, lievitata, come se fosse una pasta da pizza o da pane ma aggiungendo uvetta, miele, cannella...quello che vogliamo insomma. Diamo la forma di un omino, decoriamolo con occhi e bocca di candito o uvetta o frutta secca, spennelliamo con un uovo sbattuto e inforniamo. Mentre cuoce possiamo parlare con i bambini e/o realizzare qualche altro lavoretto. Mangeremo l'omino insieme, ringraziando la Madre Terra, il Padre Sole. Possiamo farne anche un paio in più da utilizzare nella festa tra adulti se i bimbi non partecipano.

Semi e semini: potete realizzare tanti lavoretti utilizzando i semi, per esempio facendo un disegno e ricoprendolo di colla, e versandoci sopra dei semi. Gioielli di semi...strumenti musicali con vasetti o bottigliette vuote...tutto ciò che la vostra e loro creatività vi suggerisce.

Suggerimenti per i genitori:
Riflettete insieme ai bambini su ciò che hanno realizzato finora, le loro conquiste (camminare-togliere il pannolino-scrivere-leggere-andare in bici-nuotare ecc) e come queste conquiste siano un bene prezioso e dei passi importanti nella loro crescita. Puntualizzate che voi genitori siete sempre stati vicini a loro, come la terra e il sole fanno sì che un seme diventi pianta, faccia i suoi frutti e questi semi tornino nella terra per crescere di nuovo. Trovate le parole per spiegare che la Natura è un ciclo di cui facciamo parte, e che anche loro vivono questo ciclo ogni giorno quando si alzano, vivono la loro giornata e poi si addormentano per poi ricominciare ancora il giorno dopo. Quindi le conquiste realizzate fanno parte di questo ciclo...è stato difficile raggiungere i nostri obiettivi, abbiamo lavorato duramente ma ora ne godiamo i frutti...sapendo che ciò che abbiamo costruito è il seme per altri passi, domani, sulla strada del diventare grandi.

In realtà il concetto di ciclo va bene per tutte le festività della Ruota, ma io lo sento più forte quando si parla di feste agrarie...

Ovvio, MAI lasciare da soli i vostri figli con candele accese, e MAI lasciare a portata di mano fiammiferi, accendini o altri strumenti per accendere il fuoco.

RICETTA PER L'UOMO DOLCE DI LAMMAS di Stregamamma

Una ricetta sana e gustosa...perfetta per celebrare Lammas. Questo pane dolce è ottimo e si può preparare con i bambini (anche se la supervisione di un adulto è necessaria).

Ingredienti:

600 grammi farina tipo 0
400 grammi farina integrale di orzo
100 grammi di panela + 10 per il lievito (due cucchiaini rasi da caffè)
350 ml di latte di riso
100 ml di olio d'oliva
20 grammi di lievito naturale secco (4 cucchiaini rasi da caffè)
2 uova + 1 uovo per dorare
uva sultanina a piacere
una manciata per ciascuno di:
semi di girasole
semi di zucca
un cucchiaio di miele
1 pizzico di sale

Procedimento:

Rinvenire il lievito con un bicchiere (200 ml) di acqua tiepida zuccherata con due cucchiaini di panela. Lasciare riposare per 15 minuti. Attenzione perchè la schiuma potrebbe superare il bordo del recipiente, per cui sceglietelo più grande.
In una capiente ciotola trasferite il lievito, le uova, la panela, l'olio, il latte. Mescolate bene con una frusta. Aggiungete poi a poco a poco la farina, mescolando energicamente con un cucchiaio di legno, poi cominciate a usare le mani. La farina di orzo tende ad essere appiccicosa, quindi tenete a portata di mano un po' di farina extra (anche di semola va bene) per asciugare un po' la pasta.
Lavoratela energicamente con le mani, e aggiungete i semi e l'uvetta.

La pasta ottenuta va usata per "costruire" una figura umana: rotolini per le braccia e le gambe, una palla per la testa, una un po' più oblunga per il torso. Unite le parti direttamente sulla placca coperta da carta forno, insistendo sulle giunzioni. Con questa dose io ho realizzato un pupo grande per la celebrazione degli adulti e uno piccolo per quella delle bambine.
Lasciate lievitare finchè la pasta raddoppia.

Spennellate con il tuorlo sbattuto col miele e un goccio di latte e infornate in forno preriscaldato per circa 25 minuti a 180°.

Dividete questo pane con le persone che amate, augurando loro tanta prosperità!!!

Stregamamma )O(

fonte: http://www.stregamamma.net/lughnasadh.htm

2 commenti:

Aegyptika ha detto...

Ottima l'idea per questa ricetta, la si dovrebbe provare^^

Clara ha detto...

Grazie di avermi citata. Sul sito trovate anche le foto dell'uomo di pane...
Un caro saluto

Stregamamma )O(