Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 9 settembre 2008

ho paura di ammetterlo



Mi sono innamorata di quest'uomo.
Non sto parlando del bellissimo e più che bravo Oded Fehr.
Mi riferisco al suo personaggio in Sleeper Cell, il terrorista Faris Al Farik.
So che è un pazzo bastardo, un maledetto assassino a sangue freddo, che gli sprazzi di umanità sono sempre di meno in lui, ma credo che potrei seguirlo fino alla morte.
E questo mi fa paura.
Molta paura.

Nessun commento: