Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







lunedì 29 settembre 2008

se non smetto di andare


Un giorno riuscirò a comprendere dove sto andando, seguendo l'impulso che chiama dentro di me?
Me lo chiedo di continuo, sapendo di non poter avere risposta.
Mi manca questa chiarezza, mi manca non sapere, nella mia natura è di tutto sapere e vedere e controllare, nella mia insicurezza.
Non so fidarmi, affidarmi, lasciarmi condurre.
Inutile dire che chi avrebbe dovuto darmi fiducia ha invece distrutto la mia capacità di aprirmi al mondo.
Non mi fido di nessuno.
Tutti hanno qualcosa da guadagnare, quando ti avvicinano.
Alcuni li accetto
altri li comprendo
la maggior parte li tengo a distanza.

Se non smetto di andare, spero prima o poi di comprendere dove sto andando.

Nessun commento: