Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 14 ottobre 2008

Vesta, signora e custode del focolare



Vesta, figlia di Saturno e di Opi, sorella di Giove, è una figura della mitologia romana. Era la dea del focolare domestico, venerata in ogni casa e il cui culto consisteva principalmente nel mantenere acceso il fuoco sacro: le sacerdotesse legate al suo ordine, quello delle famose vestali, avevano proprio il compito di custodire il fuoco sacro alla dea, acceso all’interno del tempio a lei dedicato, facendo sì che non si spegnesse mai.

Il fuoco sacro, custodito nel tempio di Vesta, venne spento nel 391 per ordine dell'imperatore Teodosio.

fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Vesta_(divinit%C3%A0)

come l'irlandese Brigid, dea triplice del fuoco, a Kildare... la donna custode del fuoco, il fuoco elemento vitale, sacro, fonte di energia, affidato alla custodia e alla fedeltà della donna... il focolare cuore e centro della femminilità, rifiutato come simulacro di una femminilità non accettata... Vesta ormai silente che vive dentro ogni donna, dentro di me.

Nessun commento: