Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







giovedì 6 novembre 2008

per Max



Mio carissimo Elendil,
come sempre ti sono stata vicina con il mio affetto e la mia preghiera, non mancherò certo ora. Chiedo una preghiera per il papà di Massimiliano a quanti passeranno di qui e vorranno condividere con me la pena di questo carissimo amico.

1 commento:

maxcaldara ha detto...

Non so che dire... ti ringrazio di esserci, come sempre, mia Elentàri.