Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







venerdì 20 febbraio 2009

Freddo polare?


Torno al lavoro oggi e tremo dal freddo.... -8,5°C qui alle otto, sole addosso, -12°C nel punto più freddo della strada, sempre con il sole contro.
La festa di carnevale per le bimbe l'hanno rimandata a martedì, speriamo bene, di neve si riparlerà a breve pare nella prossima settimana.
Un febbraio che sta facendosi ricordare questo per le temperature. In linea con i miei desideri che ogni stagione facesse appieno il suo corso... Bhè, adesso vorrei un po' di tregua e poi un inizio soft di primavera, si può avere? ^^
Risento della fatica fisica di ieri e poi, ammetto, sono triste... con la crisi che c'è in giro non solo non si può pensare di lasciare il lavoro, ma nemmeno di chiedere un part time... però ieri con le bimbe e la casa ho sentito, una volta di più, quale sia la mia dimensione, connaturale e sincera.
Vabbè, bando alla malinconia, alcuni sogni sono destinati a rimanere tali.
Buon venerdì! ^^

1 commento:

Manuela ha detto...

Anche io amo molto le stagioni per quello che hanno da offrirci, ma da noi siamo passati dall'estate, mediocre, ad un autunno durato si e no 10 gg ad un inverno gelido e ventoso, che ancora tiene la testa alta. So bene che da te le temperature sono ben diverse dalle mie, ma ti assicuro che avere il termometro poco sopra lo zero con vento rafficato oltre i 60-80 km è un incubo, ti si spacca la pelle, la piccola ha sempre gli occhi rossi e per fortuna non altro, ed io che giro sempre in Vespa sono sempre assiderata ...
Speriamo in una VERA primavera.
baci
Manuela