Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







lunedì 9 marzo 2009

oscar wilde, un genio


Citazioni

Definizione di pompelmo: un limone cui si è presentata un'occasione e ha saputo approfittarne. (citato in Alberto Salza, L'anello mancato, Rusconi, 1994)

Le donne non si comprendono, si amano. (La Sfinge senza segreti)

Una persona sensibile è quella che, avendo i calli, pesta sempre i piedi altrui. (da Il razzo illustre)

Il segreto per rimanere giovani sta nell'avere una sregolata passione per il piacere. (da Il delitto di Lord Arthur Savile[1])

Gli inglesi oggigiorno hanno veramente tutto in comune con gli americani, tranne, naturalmente, la lingua. (da Il fantasma di Canterville[1])

Mi piace sentirmi parlare. È una delle cose che mi divertono di più. Spesso sostengo lunghe conversazioni con me stesso e sono così intelligente che a volte non capisco nemmeno una parola di quello che dico. (da Il razzo illustre[1])

Il ricco e il povero sono fratelli, e il fratello ricco si chiama Caino. (da Il giovane re)

Ricorda che esiste un'enorme differenza tra chi appare stolto agli occhi degli dei e chi lo appare agli occhi del mondo. (da De profundis)

Una cosa non è necessariamente vera perché un uomo è morto per realizzarla. (da Il ritratto del signor W.H.)

Aforismi
È meglio essere belli che essere buoni, ma è meglio essere buoni che essere brutti.

Credo che nella vita pratica si possa ottenere un vero successo, purché sia senza scrupoli; l'ambizione è sempre priva di scrupoli.

È la confessione e non il sacerdote che ci dà l'assoluzione.

È una fatica da cani l'oziare. Ma non protesto contro la fatica purché non miri a uno scopo preciso.

Ho il culto delle gioie semplici. Esse sono l'ultimo rifugio di uno spirito complesso.

L'uomo colto è colui che sa trovare un significato bello alle cose belle. Per lui la speranza è un fatto reale.

La Bellezza è l'unica cosa contro cui la forza del tempo sia vana. Le filosofie si disgregano come la sabbia, le credenze si succedono l'una sull'altra, ma ciò che è bello è una gioia per tutte le stagioni, ed un possesso per tutta l'eternità.

La verità è cosa molto complessa, e la politica è un affare molto complicato. Vi sono giri e rigiri. Si può essere legati ad alcune persone da certi obblighi che bisogna soddisfare: presto o tardi nella vita politica è obbligatorio il compromesso. Tutti ci si piegano.

Le buone intenzioni sono state la rovina del mondo. I soli che hanno compiuto qualche cosa nel mondo sono stati coloro che non avevano nessuna intenzione.

Lo scopo della vita è l'autosviluppo. Sviluppare pienamente la nostra individualità, ecco la missione che ciascuno di noi deve compiere.

Fornite alle donne occasioni adeguate e le donne potranno fare di tutto.

Non si può dire che un'atmosfera di alta moralità sia molto propizia alla salute o alla felicità.

Non vi è nulla di più bello che dimenticare, se non forse l'essere dimenticato.

Per entrare nell'alta società oggi bisogna saper pascere la gente, o saperla divertire, o scandalizzarla; non occorre altro.

Tutte le persone affascinanti sono viziate. Ecco il segreto del loro fascino.

Oggigiorno tutti hanno spirito. Dovunque si va, non si può fare a meno di incontrare persone intelligenti. È divenuta una vera peste.

Non vi è che una sola cosa orrida al mondo, il tedio. Ecco il peccato che non trova perdono.

È sempre sciocco dar consigli: ma dare buoni consigli è fatale.

Il cinismo è semplicemente l'arte di vedere le cose come sono, non quali dovrebbero essere.

Il mistero dell'amore è più grande che il mistero della morte.

Il non fare nulla è la cosa più difficile del mondo, la più difficile e la più
intellettuale.

Il sentimentale è uno che annette un valore assurdo a tutto e ignora il prezzo assegnato a qualsiasi singolo oggetto.

L'uomo può credere all'impossibile, non crederà mai all'improbabile.

Tutti gli uomini sono dei mostri. Non c'è altro da fare che cibarli bene. Un buon cuoco fa miracoli.

Siamo tutti nel rigagnolo; ma alcuni di noi fissano le stelle.

Un uomo che non ha pensieri individuali è un uomo che non pensa.

L'uomo ha abbastanza memoria per ricordare centinaia di aneddoti, ma non ha abbastanza memoria per ricordare a chi li ha già raccontati.

Chi scorge una differenza tra spirito e corpo non possiede né l'uno né l'altro.

[Citati in Oscar Wilde, Aforismi (Sebastian Melmoth Aphorisms), con un saggio di James Joyce, traduzione di Biagio Chiaria, introduzione di Riccardo Reim, Grandi tascabili economici Newton, Roma, 1992. ISBN 88-7983-042-2[2]]

www.wikipedia.it

4 commenti:

maxcaldara ha detto...

Wilde è il più grande genio letterario del 19°secolo e uno dei più grandi di tutti i tempi:
aforismi bellissimi,stupendi,imperdibili.

verderame ha detto...

anche a me piace tanto Wilde, i suoi aforismi mi incantano, svela verità ovvie ma viste sotto un punto di vista diverso dal comune,
ciao Marina

verderame ha detto...

anche a me piace tanto Wilde, i suoi aforismi mi incantano, svela verità ovvie ma viste sotto un punto di vista diverso dal comune,
ciao Marina

chiara ha detto...

oh un'altra cosa in comune!! adoro wilde, ho anche io il suo libro di aforismi e lo trovo un genio..mi piace molto anche "la vita è un brutto quarto d'ora condito di momenti squisiti" o qualcosa del genere, sto andando a memoria..rileggendoli da te ne ho visti un paio che in apertura di blog starebbero bene, quasi quasi!!
baciotto, ora faccio solito giretto qui