Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 5 maggio 2009

una lettera sul terremoto... per ridere, almeno un po'

E' una lettera riportata dal Messaggero di ieri ma già famosa su internet,
sicuramente l'avrete già letta.
E' scritta in dialetto aquilano, qualcuno faticherà a comprenderlo, per me dopo 20 e più anni di permanenza in questa terra è chiarissima... confesso che ho pianto, sì... ma stavolta dal ridere, mi sembrava di risentire un caro amico aquilano doc, scomparso nel 2004, era come se a leggerla fosse lui, orgoglioso della sua città e del suo dialetto... Buon divertimento, gente. E se vi capita di pensare che magari ha ragione chi l'ha scritta... allora siamo in due!


“Pe fermamme, ju tarramutu, me tà ccjie. Kjù fa ju strunzu, kjù ‘ndsosto. Se
solo sapesse come se smorza ji farria vedè. Tengo solo trovà addò cazzo
hanno missu ju bottò. Se me la spalla la casa, la refaccio. Pure senza
sordi, co lle sputazze, ma la refaccio. Anzi me ne faccio una bassa e co le
tavole cuscì vojo vedè proprio come se mette. Tengo solo la paura che me
frega. Perché non è che se la pija solo co mmi. Se la pija co tutti quji che
trova. Piccoli e rossi. Pure co ji vecchi che ggià non ne poteano kjù. Quji
ggià steano stracchi. E non va bbona. No je ne te kjù de tribbolà. Ha cciso
na frega de quatrani che non c’entreano na mazza. Che manco erano aquilani,
ma ja ccisi uguale. A che servea tutta ssa carneficina lo sa solo jissu. Po
te ta vedè tutta ssa ggente che te guarda e pare che te jice: ”ma coma cazzo
le sete fatte sse case? Nojiatri le tenemo antisimiche”. Pure pe tilivisiò
te llo icono. Antisimiche ju cazzu che vve frega! So kjù de trecento anni
che non se sentea manco na scettacata e mo me vengono a ddi che lo sapeano
tutti. Ma che sapeate? Chi ve ll’era ittu? Che teneamo fa? Ji bunker? Po me
vengono a raccontà che: ”Era una scossa di media intensità, 6,3 della scala
Richter. Non sarebbero dovute cadere tutte quelle abitazioni! E’ indice di
poca attenzione alle regole”. Ma dico ji: “Ma addò ju teneate ssu’
misuratore de tarramuti, appiccato co ji prusciutti! Ma se ss’è aperta la
terra che appocatro se ‘gnotte tutto”. Pe piacere! Onna l’ha spianata sana
sana e Monticchiu, che sta cinquecento metri e che tè le case pure più
vecchie sta loco che manco se ne so accorti! A mi me ss’è aperto ju cascittu
deju bagnu addò tengo ji ferri pe tajamme l’ogna e j sso retroati dentro aju
lavandino. E ju cascittu era quiju bassu. Me ll’ha revodecata tutta la casa.
A cognatemo, che sta a San Demetrio, no ji se so cascate manco le fotografie
sopra aju commò e a Villa Sant’Angelo che sta loco attraverso ha fatto ne
frega de morti. E’ come tutte le cose: a chi tanto e a chi gnente. Però è
chiara na cosa sola: che non ci capite una beata mazza. Ssi strumenti che
tenete addopreteje pe facci quacche atra cosa. Atru che “sabbia nelle
costruzioni”. Ha fatto na sorte de botta che appocatro se cascano le stelle
no de “media intensità”. L’intensità, a certe parti, ci stea tutta quanta.
Ma se sse so cascati pure gji alberi. Stu ggiru è toccato a nojatri ma non è
che potete sta tanto pricisi manco vojatri. Allora mò se semo mbarati. Semo
diventati tutti “esperti in terremotologia applicata”. Applicata perché so’
tre mesi che ropp’ju cazzu tutti i jorni e semo fatta pure la classificaziò
deju tipu delle scosse. Atru che Mercalli e Richter! Mo ve la jico: ju
tarramutu se reconosce pe quantu trojajo fa: 1. Essiju; 2. bottarella; 3.
bella botta; 4. sileppa; 5. slenghera; 6. saraga; 7. petenga; 8.
’ngulallazia. E quando le sete passate tutte come nojatri ve potete presentà
a fa ji esperti... media intensità! Ma jeteaffangulo”.

6 commenti:

Elena ha detto...

Anche se non sono riuscita a capire proprio tutto, il succo è certo, quindi oso dire: SANTE PAROLE!
Elena

Valeria ha detto...

A dire il vero neppure io ho capito molto, ma se ho intuito correttamente il senso generale... sono d'accordissimo!
Il tempo che abbiamo trascorso insieme è stato bellissimo e prezioso, grazie della tua meravigliosa compagnia!
Spero che ci rivedremo presto per un'altra "evasione" dalla tendopoli ;-P
Un abbraccio,
Valy

matilda ha detto...

che dire? se non ha tutte le ragioni poco ci manca...
matilda

vanda ha detto...

Ho letto la tua lettera in dialetto abruzzese non lo conosco ma ho capito tutto è molto forte ciao a presro vanda

Corinne. ha detto...

Juste un petit passage pour te souhaiter un bon w.end !!!
bizzzzzzzzzzzz
amitié
corinne

Mirko ha detto...

TI PREGO DI SEGNALARE IL VERO AUTORE DEL TESTO....è TRATTO Dalla Piazza di www.terranera.net Autore Fulvio Giuliani