Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







giovedì 23 luglio 2009

progressi


Buongiorno.
Ho notato che nessuno ha commentato il penultimo post, immagino fosse troppo angosciante... vi capisco, ci si stanca a sentire sempre le stesse cose, specialmente se è qualcosa di lontano dalla propria realtà dopo un po' non lo si vuole più ascoltare...
Buone notizie, forse... nella zona di Sassa, non lontano da dove ora abito assieme ai miei, stanno edificando le prime casette di legno, almeno credo, c'è un via vai e un polveroso cantiere... naturalmente per gli sfollati del capoluogo, che, come sempre, avranno la priorità rispetto a tutti gli altri dei centri limitrofi.

Speriamo bene.

Dal canto mio sono sempre più convinta che la soluzione migliroe sia saltare il fosso a piè pari, mollare tutto qui e andarmene.

Buon giovedì.

3 commenti:

bettin ha detto...

non pensarlo nemmeno...almeno per quanto mi riguarda....!Io l'avevo letto e mi aveva anhe particolarmente colpito...specialmemte qundo parlavi delle foto che avresti voltuo mettre sul comodino e che poi non hai mai Sviluppato...di quella CAZZO di montagna che ha didtrutto sogni e progetti.
Il mio non commentarti era dovuta solo a Sofia che stava male e passavo,ma leggevo e basta!
Scusami se ti ho fatto sentire che ciò che dicevi poteva non importarmi.....ma non pensarlo mai più.Sai benissimo che qui hai trovato tanto amore eappoggio.NON DIMENTICARLO..soprattutto ora!betta

vanda ha detto...

Devo dirti la verità sono passata ho letto ma non ho commentato perchè non c'è niente da commentare è talmente triste che lascia senza parole Baci Vanda

Daniela ha detto...

Anche io, come Vanda, ho letto e non ho commentato...ho letto tanta disperazione in quelle parole da sentire una sorta di inadeguatezza...mi spiace che il silenzio ti abbia ferita, non è stata la volontà di voltare la faccia...solo l'incapacità di consolare. Un abbraccio, Daniela
PS ma hai poi ricevuto la mia mail del mese scorso o giù di li?