Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 18 maggio 2010

Avalon, l'Isola delle Mele


Il simbolo che meglio esprime lo stupore della mia anima per la bellezza di questo periodo di rinascita sotto l'egida di Blodeuwedd, a Beltaine, quando la Vergine Fanciulla danza sulla terra in rigoglio, è il Melo.
Il Melo mi riporta inevitabilmente ad Avalon, l'Isola delle Mele per eccellenza. Perché delle Mele? La Mela è un frutto sacro alla Dea Madre, i suoi colori, rosso, bianco e nero, sono i colori della Dea, la sua forma, il pentacolo inscritto all'interno, la sua semplice ma infinita bellezza, la sua utilità, la sua diffusione, la sua antica presenza... tutto richiama la Dea.
Ma se davvero volete saperne di più... se questa frutto antichissimo e squisitamente bello suscita in voi l'eco di una lontana nostalgia d'armonia e di bellezza, visitate il sito dell'Isola, dove anche io vivo per nutrire la mia anima.
E' non solo bello esteticamente, curato dalle manine incantate di Argante che è un ottimo grafico, ma è impostato con passione, costanza, dedizione e serietà per studiare e riportare in vita ciò che fu e che ancora può essere, dentro e fuori di noi, Avalon.
Basta cliccare sul logo che compare nella colonna a destra con il cigno d'argento oppure su questo indirizzo:
http://www.ynis-afallach-tuath.com/

Vi sembrerà, dopo aver varcato le Nebbie che circondano l'Isola, d'aver ritrovato la bellezza perduta dell'armonia che regnava sovrana nel mondo molto, molto, molto tempo fa...

1 commento:

Elena ha detto...

Mia cara... Ho letto "mele" e mi sono precipitata! Figurati se mi perdo una qualsiasi cosa che parla di questo frutto così bello, così buono, così arrendevole alle mie ricette... E qui da te trovo storia e leggenda, fascino e mistero... Come sempre leggere le tue parole mi fanno varcare una soglia che divide la realtà dalla fantasia! Ma dove viviamo veramente noi? Siamo certi di essere nella parte reale? Oppure la nostra vita si dipana in un limbo fantasioso e la vera realtà è dall'altra parte???
Oddio che paura... Sono troppo profonda oggi! Dev'essere l'effetto dentista... (Sono appena tornata!)Mi deve aver toccato qualche nervetto che va dritto a scatenare il mio subconscio...
Un abbraccio e un grazie per le tue bellissime parole!
Elena.