Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







mercoledì 1 settembre 2010

L'odore del vento


Attendo il vento d'autunno, voglio sentire che odore avrà.
Il vento d'estate aveva l'odore dell'asfalto e dei campi arsi dall'afa.
Il vento d'inverno avrà l'odore della cannella e della cioccolata calda?
E quello di primavera avrà l'odore dei fiori?

Gli odori si attaccano ai ricordi, non puoi più separarli e quando senti l'uno l'altro è già nei pensieri.

Così io aspetto il vento d'autunno.
Vorrei che portasse cambiamenti.

3 commenti:

bussola ha detto...

è poprio vero... gli odori si attaccano ai ricordi... e quando senti gli uni senti anche gli altri

Filando Rose e Cuori di Nadia ha detto...

L'odore dell'estate è pieno di un qualcosa che mi innervosisce.
Attendo, anche io con ansia l'odore del vento autunnale, che alle volte quando si ferma porta pioggia, con mille odori che dopo il suo passaggio, si espandono dappertutto, lasciandomi una gran voglia di fare e ricordare tutto quello che ho di bello vicino a me.
Un saluto dolce amica di blog.
Nadia

cuori e perline ha detto...

anch'io sono qui ad aspettare di sentire gli odori dell'autunno , ma anche i colori, caldi, che sono il preludio alla stagione che più amo: l'inverno
Annamaria