Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







martedì 9 novembre 2010

Il bosco

Il bosco è un luogo dell'anima, prima che fisico. Un luogo che è l'anima. E' il luogo del mistero, della soglia da varcare solo se davvero si cerca una iniziazione, iniziazione che passa di necessità attraverso la morte. E' infatti abitato da esseri, il bosco, che conducono come guardiani e guide, oltre la soglia: lupi, uccelli notturni, volpi... E' un luogo che suscita in noi l'arcana meraviglia ancestrale, quella che coglieva nella profondità dello spirito i nostri progenitori, tutti coloro che volontariamente o per necessità vi si avventuravano.
Il bosco è il luogo selvaggio per definizione, un luogo in cui le certezze sbiadiscono, in cui la strada conosciuta si smarrisce, in cui solo imparando a fidarci dei nostri sensi e a vedere con occhi nuovi la realtà, si può procedere.
E' uno scrigno, il bosco, dei nostri pensieri e dei nostri desideri, delle paure e delle difficoltà che portiamo dentro di noi ancor prima di trovarci a combatterle all'esterno.
E' un canto d'amore, il bosco, un canto alla vita selvaggia, non addomesticata, un luogo dove solo gli animali figli della notte e le donne in cerca di conoscenza e di saggezza, etichettate poi come streghe, da Strix, la civetta, animale notturno, osano avventurarsi, ieri come oggi.
E' un luogo Altro, il bosco, in cui la divinità immanente alberga ovunque, in cui il Sacro ci viene incontro nelle piante, negli alberi, negli animali, nelle rocce, nei sentieri che si snodano nel suo ventre.
E' il luogo dove ogni percezione conosciuta, ogni conoscenza, si annulla, per lasciarsi sostituire, in chi è disposto al cambiamento, dalla realtà che esso cela gelosamente.

Il bosco è il mio luogo amatissimo, il tempio e la dimora, la mia anima e il mio cammino.

3 commenti:

Pisi ha detto...

Deve essere per questo che sono così attratta dai boschi, che ne sento il richiamo, che sento la necessità di andarci ogni tanto..Dove le mie domande trovano risposta e i miei pensieri riposo...
Dove è più facile stare soli con se stessi perchè soli non si è per niente...
Grazie per queste parole
Pisi

Elena ha detto...

Il bosco è un incanto in ogni stagione, vero?

kia ha detto...

sarà perché vivo sul mare, però pur non andando nei boschi queste tue parole tocacno l'0anima profondamente!
Complimenti per il blog, davvero molto bello.