Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







mercoledì 6 luglio 2011

Nostalgia

Tu mi hai sedotto
e io mi son lasciata sedurre,
tu hai chiamato,
bucando il silenzio
e io ho udito la risposta del mio cuore,
tu hai squarciato l'oscurità
e io sono stata colmata di luce,
hai avvicinato al mio orecchio il suono inebriante della tua voce
e l'armonia ha cominciato a pulsare,
la tua soverchiante bellezza mi ha incantata
e io son rimasta muta di gioia.

Ma tra me e te c'è un abisso
che non so come colmare,
non so accettare di tornare indietro
non riesco ad andare avanti.

Il tempo passa veloce
e la mia vita si dilegua.

3 commenti:

hex ha detto...

Ciao Fatina bella! :DD

Sono rintanata nella mia buca...ahahaha
In inverno uscirò.... XD

Però un bacione te lo voglio mandare :-*
e alle bimbe un bacione one one!!!
hex

Anonimo ha detto...

non essere così triste...spera sempre ...e cammina ...serena troverai la mtua strada

Giovanni Vannini ha detto...

Amica mia, nonostante tutti i tuoi discorsi, nonostante tu continuai a dire di no........ qualcuno bussa alla tua porta. Spero che tu trovi quel coraggio che dici mancarti perchè sei una donna forte e meravigliosa. A volte sembra che il primo passo sia immenso, ma non è così..... è solo il passo di una nostra piccola e semplice gamba, e qualunque direzione prenderai, io ti porterò sempre stretta nel mio cuore e anche se sono due anni che non ci parliamo con la voce, il mio cuore non ha mai smesso di pensarti......... e sò che anche per te nel profondo è così......: ho un desiderio nascosto: potere sentire ancora la tua voce dire "a giovà!".

A presto amica mia.