Questo diario è lo specchio della mia anima, non sempre nitido, quindi, non sempre univoco, ma sicuramente intimo e prossimo al mio più vero sentire.

Restate pure con me, sostate, riposatevi, condividete, con rispetto, educazione e disponibilità di cuore.


Questo bosco è la mia casa.







giovedì 23 aprile 2009

il mio posto nel mondo


Il sole di questa mattina sta per essere soppiantato dalle nubi. Sono le 13.26 e ho appena pranzato, da sola, perché mio marito è al lavoro e le bimbe con i miei sulla costa. Mi mancano da matti, ma saperle tranquille, persino felici e accudite, mi dà forza.
Lunedì torno al lavoro anche io. Anche se in un container, avrò accanto visi e voci di chi condivide la sua giornata di lavoro con me da 16 anni ormai. Una seconda famiglia, un'altra vita.
Questo lungo tunnel atemporale in un campo di forzati mi sta disorientando.
La cosa più strana non è vivere questa realtà, ma uscire fuori da qui, dal campo, dal paese e vedere che attorno è desolazione, miseria, tendopoli e colonne di soccorso. Come se non ci fosse più un posto al mondo dove andare. Come se questo mondo fosse imploso e a noi rimanessero unicamente macerie.
A volte riesco a pensare che prima o poi riavrò un po' di normalità. Ma è difficile. Questo tempo dilatato, lungo come un corsa in un incubo, schiaccia, annichilisce ogni cosa.
Ho mio marito, le mie figlie, persone care anche se lontane, ma a volte vorrei avere un posto silenzioso, lontano e unicamente mio dove chiudere gli occhi e lasciar passare cento anni, come nelle favole, quando ti risvegli e il peggio è passato.
In questi giorni mi mancano i racconti di Mario Rigoni Stern. Non so per quale motivo lui più di altri. E certo non sono romanzi di evasione i suoi.
Eppure averlo vicino mi consolerebbe.
Se riesco a tornare a casa, prima o poi, vado a prendermi i libri.
E magari qualosa rientrerà nei cardini.

Grazie a tutti per il vostro sostegno e il vostro affetto.

3 commenti:

PuntoCroce ha detto...

Queste tue parole mi stringono il cuore, cerco di capire il tuo stato d'animo, ma credo che possa esserne in grado solo chi lo sta vivendo realmente insieme a te...
Un affettuoso abbraccio a te e alle persone che sono a te vicine...
ciao
maria rosa

Elena ha detto...

Ciao cara, lo so, lo so, è difficile... Ma tu stai dimostrando una forza veramente eccezionale, attaccati a tutto quello che ti puo' dare coraggio, anche ai sogni. Chiudi gli occhi ed ogni tanto estraneati, sogna un mondo tutto tuo, come lo desideri, rifugiati dentro e stai tranquilla; vedrai che tutto pian piano si sitemerà ed il tuo sogno diverrà la tua realtà...
Ti mando un grosso abbraccio, voglio risentirti presto, mi raccomando! Io e mia figlia spesso riascoltiamo la "tua" canzone preferita, ti ricordi?
Elena

Aegyptika ha detto...

Si, è come un incubo dal quale invece ti sei svegliato e vedi macerie e crepe e tanta desolazione. La dobbiamo ricostruire noi. Mi chiedo se i tanto sbandierati finanziamenti statali, che calano sempre più e rivolti sempre a meno gente, ariveranno. Oppure tutti i soldi raccolti da tanti e tanti. Ma dove vanno a finire? Chi si interessa di questo?